Il nome di Enrico Berlinguer evoca diversi passaggi importanti della vita politica italiana. Lo si associa fra l’altro, come noto, alla «questione morale», il grido del leader comunista contro gli intrecci fra politica e affari, contro la corruzione, contro l’uso distorto del denaro pubblico. In questi giorni ritorna quell’eterna «emergenza italiana», di fronte all’inchiesta romana su intrecci fra criminalità organizzata, realtà associative operanti nel sociale e personaggi eletti nelle istituzioni rappresentative. Qui di seguito, in formato digitale, un libro di Emiliano Sbaraglia edito da Nonluoghi nell’autunno 2004: «Incontrando Berlinguer. Pensieri e parole di un leader scomodo». Così lo presentavamo dieci anni fa sulla quarta di copertina: «Nella babele politica e istituzionale di questo nuovo secolo, quali possono essere i punti di riferimento per le generazioni che si interrogano sul loro ruolo e sull’avvenire? Sembrano quasi costrette a volgersi indietro e così facendo può capitare di incontrare personaggi come Enrico Berlinguer.

Continue reading