Nonluoghi

Informazione e democrazia

Pagina 2 av 80

I conflitti, i profughi e noi

Guerre e accoglienza di profughi ma anche animalismo i temi del podcast di Voci dalle Dolomiti andata in onda ieri in Fm a Radio Cooperativa. In programma un’intervista con i rappresentanti dell’associazione antispecista bellunese Siamo tutti animali che illustrano l’attività di promozione culturale e di intervento diretto sul territorio in aiuto di animali in difficoltà. Segue la trasmissione della prima parte dell’incontro HUMAN, svoltosi mercoledì al Lettherarium di Belluno, promosso dalla coop del commercio equosolidale Samarcanda e da Radio Cooperativa, per riflettere sulle crisi umanitarie generate dalla destabilizzazione geopolitica, dalle guerre, dal terrorismo.

Leggi tutto

Nel presente con Alex Langer

La voce di Alex Langer, a vent’anni dalla morte, riproposta a Radio Cooperativa, nella rubrica bellunese Voci dalle Dolomiti.
In scaletta alcune registrazioni d’archivio di interventi e interviste con il politico e intellettuale sudtirolese, esponente di primo piano in Europa della nuova sinistra, dell’ecologismo, della nonviolenza.

Leggi tutto

Avvilente riforma costituzionale

Però è avvilente assistere allo spettacolo di un parlamento incostituzionale e di un governo non eletto che sfigurano la Costituzione fra mercanteggiamenti di poltrone e mistificazioni di merito.
Volete modificare così profondamente la Carta? Fateci eleggere con il sistema proporzionale un’assemblea costituente.
Si chiama democrazia rappresentativa (della sovranità popolare)

L’impresa sociale 15 anni fa…

Una quindicina d’anni fa c’era chi considerava il cosiddetto «terzo settore», a prescindere, un gioiellino della crescita civile nazionale, un territorio di solidarietà dove volontariato e lavoro retribuito univano le forze. Nel corso degli anni abbiamo visto quante distorsioni siano state possibili nel sociale «privatizzato» e nella forma cooperativa declinata nel lavoro atipico in svariati settori.

Leggi tutto

Profughi: salvare, non sparare

Ecco la traduzione italiana dell’appello sottoscritto pochi giorni fa da 548 docenti e ricercatori di tutto il mondo e pubblicato su OpenDemocracy. Si può sottoscrivere inviando un email a beyond.slavery@opendemocracy.net con la parola SIGN nell’oggetto del messaggio.

«I lea­der poli­tici euro­pei hanno annun­ciato che la loro rispo­sta alla scon­cer­tante per­dita di vite tra i migranti che attra­ver­sano il Medi­ter­ra­neo con imbar­ca­zioni non adatte alla navi­ga­zione sarà l’uso della forza per rom­pere la cosid­detta «rete» che opera in Libia e orga­nizza i peri­co­losi attra­ver­sa­menti.

Leggi tutto

Commercio Ue-Usa, troppi rischi

[riceviamo e volentieri pubblichiamo]

La Commissaria europea per il Commercio, Cecilia Malmström, ha reso pubbliche le correzioni all’ISDS (Investor to State Dispute Settlement), clausola richiesta a gran voce dalle lobby dell’industria transatlantiche fin dalle prime battute del negoziato TTIP. L’ISDS consente il ricorso a corti di arbitrato internazionale da parte di gruppi privati, qualora vedessero i propri investimenti messi a rischio da provvedimenti cautelativi varati dai governi in USA e UE.
“Solo fumo negli occhi per far passare uno strumento rischioso e inutile”, secondo la Campagna Stop TTIP Italia, coalizione di più di 250 organizzazioni e 50 comitati locali che si oppone al trattato transatlantico. Leggi tutto

Fermiamo la riforma elettorale

La legge elettorale voluta da Renzi (e fino a poco fa da Berlusconi) perpetua le storture di una rappresentanza democratica inceppata. Lo dimostrano  questo stesso ddl, il cui contenuto non era certo presente nel programma elettorale del principale partito della maggioranza di governo, il Pd, che fra l’altro sta attuando parallelamente una riforma costituzionale che indebolisce la partecipazione democratica e gli equilibri fra i poteri , senza averne parlato prima in campagna elettorale. Nessun mandato dai cittadini, neanche dalla minoranza andata alle urne alle europee dell’anno scorso… Una seria idea costituzionale repubblicana suggerirebbe di riavvolgere questo brutto film, come suggerisce questa petizione («Arrestare l’Italicum»)  lanciata oggi da un gruppo di intellettuali e ex parlamentari riuniti sotto la sigla Coordinamento per la democrazia costituzionale.

Leggi tutto

Reato di tortura: «Legge beffa»

«Il testo di legge del tutto inadeguato rispetto alle osservazioni della Corte di Strasburgo e agli standard normativi internazionali»: lo scrive il Comitato verità e giustizia per Genova. «È una legge beffa: la tortura è definita come reato generico, soggetto a prescrizione ed è resa di difficile applicazione giudiziaria a causa delle eccessive specificazioni. Manda alle forze dell’ordine un messaggio sbagliato, rende la prevenzione più difficile», affermano in una nota congiunta Arnaldo Cestaro, il promotore dell’azione legale europea che ha visto l’Italia condannata dalla Corte di Strasburgo per i fatti della scuola Diaz al G8 di Genova 2001,  Enrica Bartesaghi, madre di una ragazza vittima di violenze a Bolzaneto, Lorenzo Guadagnucci, giornalista che fu fra le persone picchiate alla Diaz (autore di vari libri sulla vicenda di Genova e sul contesto politico in cui si inserisce: fra i volumi anche La seduzione autoritaria. Diritti civili e repressione del dissenso nell’Italia di oggi”, che fu pubblicato da Nonluoghi nel 2005 e ora è liberamente scaricabile in questo sito).

Leggi tutto

Province: i francesi votano, noi no

Oggi e domenica prossima i cittadini della Repubblica francese sono chiamati alle urne per l’elezione dei consigli dipartimentali, gli enti di area vasta. Le Province, insomma.
In Italia la “riforma” approvata l’anno scorso, fortemente voluta e propagandata dal premier Renzi, ha cancellato il diritto dei cittadini di eleggere i consigli provinciali.
Le “nuove” Province non elettive italiane sono state elette nell’autunno scorso dai consiglieri comunali, che in realtà erano semplicemente chiamati a dare attuazione ad accordi trasversali fra i partiti che si sono spartiti consiglieri e presidenti provinciali.
Nel frattempo, prende corpo il grande caos funzionale derivante dalla gestione dei servizi e del personale delle Province.
Ora anche la “riforma” del Senato cancella il diritto di voto dei cittadini.
Può una democrazia mortificare in questo modo la partecipazione popolare e la rappresentanza? Sì, può.
Vedi anche alla voce “riforma della legge elettorale”.
Ai cittadini si consentirà solo di esprimersi con un sì o un.no referendari sulla riforma costituzionale che inventa un Senato delle Regioni come paravento di un’operazione neocentralista che cancella le Province, depotenzia le Regioni, archivia ogni prospettiva federalista.
Se tutto andrà bene, il giovane rottamatore additerà come vecchi conservatori e gufi, tutti quelli che obietteranno che concentrare tutto il potere nel governo ci allontana da un’idea di democrazia dinamica. Qualcuno preferisce la delega.in bianco, fare il pieno di voti e poi non essere disturbato per cinque anni…

« Articoliprecedenti Articoli recenti »

© 2017 Nonluoghi

Tema a cura di Anders NorenUp ↑

Utilizzando questo sito, accetti l'uso dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi