In questi giorni in Norvegia si discute dell’imminente introduzione di un pedaggio extra che colpirà gli autoveicoli diesel nelle città principali (Oslo, Bergen e Trondheim).

L’entità di questa tassa sull’inquinamento non è ancora stata decisa, tuttavia il Direttorato delle strade ha anticipato che sarà una cifra significativa, al fine di garantire l’effetto di deterrenza.

Si parla di 250-300 euro l’anno extra da pagare per assicurarsi la libera circolazione; in alternativa si prevedono pedaggi giornalieri (ovviamente assai meno convenienti nel lungo periodo).

Sullo sfondo, spiegano le autorità norvegesi, ci sono le più recenti evidenze sull’impatto ambientale dei motori alimentati a gasolio. L’obiettivo, dunque, è ridurne l’uso, anche nella prospettiva futura.

Questa notizia stride con l’esperienza italiana che mi è capitato di fare nei mesi scorsi, andando in vari concessionari a informarmi manifestando l’interesse all’acquisto di un’automobile alimentata a metano o a Gpl. In diversi casi il  mio interlocutore mi ha suggerito di valutare anche (o piuttosto) i modelli turbodiesel. In una circostanza mi è stato addirittura sconsigliato esplicitamente il Gpl (di serie), con la motivazione che in realtà – tenendo conto di tutti i fattori – non si risparmia quasi nulla (l’aspetto inquinamento ambientale non era una variabile considerata dal venditore).

Quanto al metano, posto che sono pochi i modelli con impianto originale (specie se si pretende l’accortezza elementare di non infilare alla bell’e e meglio le bombole nel baule riducendone la capienza), trovare interlocutori realmente motivati finora è stato quasi impossibile. E la mia ricerca continua…

Probabilmente tutto questo ha spiegazioni precise, alcune forse inconfessabili. Resta da capire quanto anche la scarsa propensione all’innovazione profonda del prodotto, e dell’intero “sistema” che gli ruota attorno, renda l’automobile poco appetibile nel mercato nell’anno Domini 2012.

Zenone Sovilla

P. S.

Sempre in Norvegia, in questi giorni diventa operativa la decisione di ridurre il limite massimo di velocità da novanta a ottanta chilometri orari, sui tratti delle strade statali prive di guard-rail centrale di separazione, che registrano più di 4 mila passaggi giornalieri: si prevede che l’esito del provvedimento sia una quindicina di vite salvate ogni anno nei circa settanta chilometri di strada interessati.

nonluoghi

nonluoghi

Questo sito nacque alla fine del 1999 con l'obiettivo di offrire un contributo alla riflessione sulla crisi della democrazia rappresentativa e sul ruolo dei mass media nei processi di emancipazione culturale, economica e sociale. Per alcuni anni Nonluoghi è stato anche una piccola casa editrice sulla cui attività, conclusasi nel 2006, si trovano informazioni e materiali in queste pagine Web.

More Posts

nonluoghi

Questo sito nacque alla fine del 1999 con l'obiettivo di offrire un contributo alla riflessione sulla crisi della democrazia rappresentativa e sul ruolo dei mass media nei processi di emancipazione culturale, economica e sociale. Per alcuni anni Nonluoghi è stato anche una piccola casa editrice sulla cui attività, conclusasi nel 2006, si trovano informazioni e materiali in queste pagine Web.