Warning: Parameter 2 to wp_hide_post_Public::query_posts_join() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.nonluoghi.info/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286

Anche quest’anno appuntamento con Nonluoghi a Libri in Campo, in piazza Santa Maria in Trastevere a Roma. La serata è in programma domenica 11 luglio, a partire dalle 21 e ruoterà attorno al libro di Enrica Bartesaghi “Genova, il posto sbagliato. La Diaz, Bolzaneto, il carcere: diario di una madre”. L’attore Riccardo Lestini proporrà il suo monologo sui fatti di Genova “Con il tuo sasso”. Al dibattito seguente parteciperà, oltre all’autrice, il giornalista Lorenzo Guadagnucci, autore del libro “Noi della Diaz”. La serata sarà anche un’occasione per avere un’aggiornamento sulla situazione giudiziaria, dopo l’apertura, la settimana scorsa, del processo genovese nei riguardi dei poliziotti sotto accusa per la sanguinosa irruzione alla scuola Diaz.

Enrica Bartesaghi è presidente del comitato Verità e Giustizia per Genova del quale fanno parte anche Lorenzo Guadagnucci e Riccardo Lestini.
Pubblichiamo un articolo di quest’ultimo, che illustra il monologo teatrale che presenterà a Roma.

di Riccardo Lestini
Ho scritto il lungo monologo Con il tuo sasso quasi un anno fa, in poco meno di un mese, come mosso da una sorta di febbrile necessità. A differenza di altri miei lavori teatrali, non c’è stato, alla base, alcun progetto, alcuna intenzionalità. Semplicemente, l’ho scritto come se non potessi fare nient’altro, come se non avessi altra scelta. Appena tornato da Genova dopo quei giorni d’inferno, ormai quasi tre anni fa, due domande, più di ogni altra cosa, mi ossessionavano e mi toglievano il sonno: qualcuno crederà mai a quello che dico di aver visto? E soprattutto: riuscirò, un giorno, a superare in qualche modo tutto questo?

Per molti mesi ho avuto la sensazione, terribile e distruttiva, di essere semplicemente un sopravvissuto, una sorta di miracolato a cui il destino aveva riservato il privilegio di tornare a casa senza un graffio, senza un solo segno sulla pelle. I segni erano tutti dentro, nella coscienza e negli occhi, incapaci di strapparsi via di dosso quelle immagini. Fortunatamente, col tempo, la volontà di parlare, la presa di coscienza di essere stato testimone non di un evento isolato, ma di un’agghiacciante pagina nera della democrazia pronta in ogni istante a ripetersi, hanno sostituito quell’insostenibile e paralizzante senso di impotenza. Allora ho iniziato a parlare, nell’unico modo per me possibile, col solo linguaggio che so usare, che è quello della scrittura e del teatro.
Ho sempre inteso il teatro, che è il mio lavoro e la mia passione, come uno straordinario mezzo di comunicazione, un veicolo diretto e prorompente di ideologie e sentimenti. In molti mi chiedono cosa significhi per me fare “teatro civile”. Non significa niente di particolare, è semplicemente il mio modo naturale di concepire e fare teatro.
All’inizio c’è stato Genova Libera, un breve monologo di dieci minuti, scritto ancora a caldo, più di due anni fa, dove in dieci minuti mettevo in scena una miriade di personaggi, un accavallarsi di voci volutamente caotico, seguendo il filo dei ricordi e delle emozioni: una sintesi estrema di due giorni di follia.

Con il tuo sasso è venuto dopo, a mente più lucida, quando ai terribili fatti di strada, da Piazza Alimonda alla scuola Diaz, da Bolzaneto a Piazza Manin, già si aggiungevano in triste sequenza scandali giudiziari sempre più gravi. Ho cercato, in questo lungo monologo, di dare una ricostruzione il più possibile completa di quanto successo in quei giorni. Per questo lo spettacolo inizia da molto lontano, partendo dalla stessa costituzione del Genoa Social Forum, dai mesi antecedenti al G8, dalle difficoltà organizzative, dalla preparazione della repressione con le forze dell’ordine dotate di equipaggiamenti fuori ordinanza e addestrate alla mattanza, dal “teatrino della tensione” messo in piedi dalle stesse istituzioni con l’aiuto dei mezzi d’informazione, dalla progressiva militarizzazione di Genova, dalla progressiva restrizione dei diritti civili.
Inizia da lontano proprio perché vuole andare lontano, tanto per usare una frase ad effetto. Non vuole cioè fermarsi a quei giorni, ma andare oltre, a quei processi appena iniziati, processi per i quali sono stati riesumati reati eccessivi (vedi “devastazione e saccheggio”, per cui un ragazzo che ha lanciato un sasso può rischiare fino a otto anni di carcere) o addirittura grotteschi (vedi la “compartecipazione psichica”!). Vuole andare ai numerosi avvisi di garanzia nei confronti delle forze dell’ordine che, almeno nel caso delle indagini relative alla scuola Diaz, investono alcuni tra i più alti vertici della nostra polizia. E vuole andare, anche e soprattutto, al terrificante silenzio mediatico e alla becera indifferenza politica che hanno accompagnato tutti questi eventi. Ho cercato di scrivere un testo che fosse il meno possibile “recitato” e il più possibile “raccontato”, un testo comprensibile a tutti, anche a quelli che di Genova non hanno mai sentito parlare, un testo che rinunciasse a ogni tecnicismo a favore della semplicità e della chiarezza, e che sapesse, quando possibile, anche stemperare la tensione mettendo in luce i fatti più paradossali, ricorrendo a toni prettamente comici.

Spero di esserci riuscito. I fatti, almeno per il momento, sembrano darmi ragione. Da ormai nove mesi lo sto portando in giro in tutta Italia, e le richieste di date continuano ad arrivare. Fatta eccezione per qualche spiacevole episodio (che comunque, trattando certe tematiche, si mette necessariamente in conto), la risposta del pubblico è stata davvero straordinaria: in questi mesi di vagabondaggio randagio e militante, ho trovato una società civile arrabbiata, smaniosa di sapere, domandare, conoscere, affamata di perché. Ho trovato finalmente una fetta d’Italia indignata, incapace di voltare la testa, tapparsi il naso e dimenticare.
In più, in questi casi, la valutazione va ben al di là dei meriti e dei risultati puramente artistici: questo è uno spettacolo fatto con e per il Comitato Verità e Giustizia per Genova, del quale sono entrato a far parte, per la raccolta fondi al fine di tutelare al meglio le spese processuali relative al G8, per la raccolta di firme della petizione popolare…e in questo sì, la risposta della gente è stata davvero incredibile. Per tutta questa avventura, che spero duri ancora il più a lungo possibile, dovrei ringraziare una quantità sterminata di persone, a partire da tutti quelli che mi hanno messo a disposizione i loro spazi per esibirmi, il cui entusiasmo e la cui determinazione mi hanno fatto dimenticare anche la stanchezza del continuo su e giù per l’Italia con gli zaini pieni di libri e videocassette del Comitato. Non potendo ringraziare tutti, ringrazio la persona che, oltre a regalarmi una nuova e bellissima amicizia, per prima e praticamente a occhi chiusi, ha creduto in questo progetto: Lorenzo Guadagnucci. Grazie Lorenzo, grazie a tutti…continuiamo a vagabondare perché, come scriverebbe in un’e-mail Antonio Bruno, “eppure il vento soffia ancora”.

nonluoghi

nonluoghi

Questo sito nacque alla fine del 1999 con l'obiettivo di offrire un contributo alla riflessione sulla crisi della democrazia rappresentativa e sul ruolo dei mass media nei processi di emancipazione culturale, economica e sociale. Per alcuni anni Nonluoghi è stato anche una piccola casa editrice sulla cui attività, conclusasi nel 2006, si trovano informazioni e materiali in queste pagine Web.

More Posts

nonluoghi

Questo sito nacque alla fine del 1999 con l'obiettivo di offrire un contributo alla riflessione sulla crisi della democrazia rappresentativa e sul ruolo dei mass media nei processi di emancipazione culturale, economica e sociale. Per alcuni anni Nonluoghi è stato anche una piccola casa editrice sulla cui attività, conclusasi nel 2006, si trovano informazioni e materiali in queste pagine Web.